Super Mario RPG – Finalmente tradotto in italiano

Condividi la tua esperienza, grazie

5
(1)

Girovagavo un po’ il web, così, curioso di vedere se sui siti che solitamente bazzico ci fosse qualche novità nell’ambito delle traduzioni amatoriali. Con mio sommo stupore ho appreso su Romhacking.it la notizia che dopo circa vent’anni, tra stop vari e quant’altro, il lavoro sullo splendido Super Mario RPG è finalmente terminato. La patch che traduce il titolo in lingua rigorosamente italiana è stata rilasciata proprio lo scorso dicembre, a cura dei ragazzi di Mumble Translations. Il capolavoro targato Square e Nintendo potrà essere giocato nella nostra lingua, ergo adesso non avete più scuse. In questo periodo sono sommerso di giochi, arretrati e chi più ne ha più ne metta, ma non appena avrò modo me lo rigioco più che volentieri.

Super Mario RPG

Per chi non lo sapesse, Super Mario RPG è il capostipite di una tipologia di opere che io sono solito chiamare “RPG marieschi”. Da quest’ultimo nascono infatti due serie meravigliose (seppur con qualche nota stonata): Mario & Luigi e Paper Mario. Prodotti che si rifanno al mitico gioiello nato dalla collaborazione tra Nintendo e Square. Il risultato è un videogioco totale che va giocato e vissuto senza se e senza ma. Un mix di divertimento, avventura e originalità che combina sapientemente gli stili di queste due gloriose software house (un po’ meno l’attuale Square Enix, però), regalando un’esperienza meravigliosa che si reinventa di continuo, senza mai calare nel ritmo. Tecnicamente ineccepibile per essere una produzione Super Famicom/SNES del 1996, vantando una direzione artistica davvero notevole. Chiude il cerchio una colonna sonora deliziosa, tra i lavori più ispirati e riusciti di Yoko Shimomura (se non il suo migliore in assoluto).

Per scaricare la patch basta cliccare sul seguente indirizzo: https://mumble.romhacking.it/smrpg.html. Tutti i dettagli li troverete lì. Erano anni che attendevo questa notizia, ma ammetto che ormai avevo perso le speranze. Contento che me ne sia accorto quasi per caso, proprio quando non me l’aspettavo. Non per altro è addirittura dal lontano 2001 che vari team avevano avviato lavori di traduzione del gioco; come si suol dire: meglio tardi che mai. Ora non resta che giocarlo (o rigiocarlo). “Let’s a go!”

Facebook Comments

Quanto ti piace questo Articolo?

Fai clic su una coppa per votarla!

Voto medio 5 / 5. Conteggio voti: 1

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

As you found this post useful...

Follow us on social media!


Condividi la tua esperienza, grazie

Ismaele "Isma92" Mosca

Appassionato di videogiochi sin da piccolo, al punto tale da portarlo nel tempo a scrivere per circa dieci anni per il settore videoludico. Dopo aver lasciato tutte le testate per le quali scriveva, eccolo intraprendere una nuova avventura sulle pagine di Pushbutton.it, piccola realtà nata dalla sua mente e quella di due grandi compagni di viaggio, nonché cari amici: Gennaro Schiavelli e Antonio Rodo. Retrogamer incallito e musicista, ama la pizza e la cultura nipponica ed è pronto a raccontarvi e condividere tutto quello che gli passa per la testa.